m’illumino di meno…io ho aderito…e voialtri?

M' Illumino di me

 

 

 

M’ILLUMINO DI MENO 2007
Giornata Internazionale del Risparmio Energetico

>> IL DECALOGO DI CATERPILLAR

>> L’OTTALOGO DEL MINISTERO DELL’AMBIENTE
Per il terzo anno consecutivo Caterpillar lancia per il 16 febbraio 2007 M’illumino di meno, la giornata nazionale del risparmio energetico, quest’anno diventata internazionale.
Dopo il successo delle passate edizioni Massimo Cirri e Filippo Solibello chiederanno nuovamente agli ascoltatori di dimostrare come il risparmio sia una possibilità concreta e reale a cui attingere oggi stesso per superare i problemi energetici che assillano il nostro paese e gran parte delle nazioni del pianeta.

L’invito rivolto a tutti è quello di spegnere le luci e tutti i dispositivi elettrici non indispensabili il 16 febbraio 2007 alle ore 18.

Semplici cittadini, scuole, aziende, musei, gruppi multinazionali, astrofili, società sportive, gruppi scout, istituzioni, associazioni di volontariato, università, cral aziendali, negozianti e artigiani uniti per diminuire i consumi in eccesso e mostrare all’opinione pubblica come un altro utilizzo dell’energia sia possibile.

In particolare, moltissimi ristoranti organizzeranno cene a lume di candela, mentre le amministrazioni locali forniranno il colpo d’occhio più spettacolare all’iniziativa effettuando spegnimenti simbolici delle grandi piazze italiane e dei monumenti più importanti (negli anni scorsi ad esempio l’Arena di Verona, il Duomo di Milano, la Mole Antonelliana di Torino, Palazzo Vecchio a Firenze, le piazze di Catania, Bari, Bologna, Palermo e tante altre).

Sul bottone Chi ha aderito qui a lato sono segnalate le iniziative più interessanti, come esempi che possono essere riprodotti da altri.

Nelle due precedenti edizioni M’illumino di meno ha contagiato centinaia di migliaia di persone impegnate in una allegra e coinvolgente gara etica di buone pratiche ambientali. Lo scorso anno si risparmiò, nella sola ora e mezza di durata della trasmissione, l’equivalente del consumo medio quotidiano di una regione come l’Umbria.

La campagna di M’illumino di meno inizierà il 15 gennaio e si protrarrà per un mese fino al 16 febbraio (anniversario dell’entrata in vigore del protocollo di Kyoto). Caterpillar racconterà giorno per giorno le iniziative più originali, la preparazione delle piazze e dei comuni in Italia e all’estero, le idee più innovative di chi propone soluzioni per abbattere il grafico dei consumi energetici.

Quest’anno l’iniziativa è patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e dal Ministero delle Politiche Agricole.

Annunci

One Response to m’illumino di meno…io ho aderito…e voialtri?

  1. comosome ha detto:

    Segnalo dal sito http://maurobiani.splinder.com/post/10997205#more-10997205 dove c’è una giusto chiarimento su alcuni dettagli di questa manifestazione di cui dobbiamo tenere di conto.

    venerdì, 16 febbraio 2007
    M’illumino di meno, non di ENI

    m’illumino di meno, eni, nigeria

    “La rete di Lilliput appoggia e promuove con decisione le iniziative del 16 febbraio in occasione di “M’illumino di meno”, la campagna lanciata da Caterpillar per la terza giornata per il risparmio energetico, ma condanna duramente la sponsorizzazione di ENI dell’iniziativa. ENI è stata recentemente ed è tuttora coinvolta in progetti dal pesantissimo impatto ambientale e sociale (tra gli altri in Nigeria, Irak, Ecuador e Caucaso) e la pesante strumentalizzazione della campagna sulle pubblicità della compagnia incontrate sulle pagine dei giornali negli ultimi giorni, suona come un mero tentativo di ripulire la propria immagine. La Rete Lilliput guarda con entusiasmo all’edizione 2007 di “M’illumino di Meno”. Come negli anni scorsi, moltissime realtà lillipuziane saranno parte attiva della giornata con iniziative di ogni tipo: da aperitivi culturali a sbrinamenti collettivi di frigoriferi, ad iniziative con i ragazzi delle scuole a molte altre azioni per sensibilizzare non solo gli altri, ma noi per primi, alle buone pratiche per il risparmio energetico ed il raggiungimento degli obiettivi di Kyoto. Se l’anno passato l’iniziativa è stata un successo, siamo convinti che quest’anno l’effetto sarà ancora più grande, e speriamo che le centinaia di migliaia di persone che aderiranno siano uno stimolo per la politica e l’economia ad intraprendere la lotta al cambiamento climatico in modo molto più deciso di quanto non avvenga oggi. Ma se questa è la nostra piena condivisione del fine e collaborazione alle azioni che porteranno la giornata al successo, non possiamo non esprimere un forte dissenso ad alcuni mezzi adottati sua nella sua promozione. Sulla home page della trasmissione radiofonica compare la collaborazione con il logo verde-azzurro “Metano”. E’ un simbolo guardato con simpatia da molti di noi: indica infatti i distributori di metano per auto, la scelta più pulita quale combustibile della propria auto. Dietro al logo, però, si nasconde ENI. L’ENI è una delle più grandi multinazionali del settore petrolifero, e si è distinta negli ultimi anni per la propria partecipazione in molte delle operazioni più controverse, a livello internazionale, riguardanti l’estrazione di gas e petrolio. E’ quasi impossibile anche solo elencare gli impatti negativi sulle popolazioni locali e le responsabilità dell’ENI a livello internazionale. Impatti ambientali, come nel caso dell’oleodotto OCP che attraversa la foresta amazzonica ecuadoriana, una delle zone più delicate e con la maggiore biodiversità del pianeta. Impatti sociali, come nell’oleodotto BTC, il più lungo del mondo, che attraversa Georgia, Azerbaigian a Turchia e ha causato lo spostamento forzato di decine di migliaia di contadini di origine curda. Ma anche Impatti sui diritti umani come purtroppo testimonia l’ultimo grave caso del coinvolgimento dell’ENI in Nigeria, che appare ancora lontano da una soluzione. A queste operazioni potremmo aggiungere il ruolo dell’ENI in Iraq e nel recente progetto di estrazione di gas in Kazakistan, e molti altre situazioni decisamente critiche, e che sembrano in contrasto con lo spirito che anima l’iniziativa di Caterpillar. In questa situazione, la sponsorizzazione di un’azienda del gruppo ENI a un’iniziativa come “m’illumino di meno” suona come un mero tentativo di ripulire la propria immagine. Se l’accostamento di una campagna quale M’illumino di Meno con la diffusione dell’auto a metano è tollerabile non lo è lo spregiudicato uso dell’iniziativa fatto da ENI sulle pubblicità della compagnia incontrate sulle pagine dei giornali negli ultimi giorni, in una palese operazione di marketing verde. Concludiamo chiedendo: – All’ENI, per l’ennesima volta, di cambiare rotta nel modo di gestire i propri affari all’estero, – Al Governo Italiano, di anteporre il controllo dell’operato delle proprie aziende alla mera condivisione dei loro utili, – Alla redazione di Caterpillar ed alla RAI, di dotarsi di un codice etico nella selezione degli sponsor. – Agli Italiani, di partecipare numerosi alle iniziative di domani, di seguire la trasmissione e di cogliere l’occasione per esprimere l’esigenza di un comportamento più responsabile da ENI e dal Governo.” I Gruppi di lavoro tematici della Rete Lilliput: – Impronta Ecologica – Commercio – Nonviolenza (Link all’articolo originale) (link di un precedente post sull’argomento)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: