Chiarimenti

Alla luce di quanto successo oggi in Senato mi sento di dire cosa penso e di chiarire alcune cose.

La mia posizione sulla guerra e sulla nostra presenza in Afghanistan è molto chiara, così come sulla base di Vicenza, ecc..sono profondamente contrario.

Credo però allo stesso modo che il processo con cui si viene fuori da queste situazioni non sia un immediata rivoluzione o un cambiamento brusco e istintivo…il confronto e il dialogo vengono prima di tutto, e ancor prima viene il processo democratico.

In Senato ieri purtroppo si è visto quello che la panoramica politica ci offre un assoluta mancanza di coscienza politica, rappresentativa e democratica; purtroppo chi è in Senato non rappresenta se stesso…e spesso se ne dimentica

In Senato siamo alle dipendenze oltre che dei battitori liberi, di signori quali Andreotti e Pininfarina…su cui nutro parecchie riserve.

La politica è spesso compromesso…

Incollo qui sotto quanto scritto da Michele Serra su Repubblica

L’AMACA

I Cavalieri dell’Ideale

di MICHELE SERRA

SI CAPISCE, uno ha tutto il diritto di coltivare i suoi ideali integerrimi. E di sentirsi eletto dal popolo lavoratore anche se è stato spedito in Senato da una segreteria di partito. Uno ha tutto il diritto di rivendicare purezza e coerenza, così non si sporca la giacchetta in quel merdaio di compromessi e patteggiamenti che è la politica. Però, allora, deve avere l’onestà morale di non fare parte di alcuna coalizione di governo. E deve dirlo prima, non dopo. Deve farci la gentilezza di avvertirci prima, a noi pirla che abbiamo votato per una coalizione ben sapendo che dentro c’erano anche i baciapile, anche i moderatissimi, anche gli inciucisti. A noi coglioni che di basi americane non ne vorremmo mezza, ma sappiamo che se governano gli altri di basi americane ne avremo il triplo.

Invece no: questi duri e puri se ne strafottono della nostra confusione e della nostra fatica. Prima salgono sulla barca della maggioranza, poi tirano fuori dal taschino il loro cavaturaccioli tutto d’oro e fanno un bel buco nello scafo, per meglio onorare la loro suprema coerenza e la nostra suprema imbecillità. Un bell’applauso ai Cavalieri dell’Ideale: tanto, se tornano Berlusconi e Calderoli, per loro cosa cambia? Rimarranno sul loro cavallo bianco con la chioma al vento.

(22 febbraio 2007)

Annunci

3 Responses to Chiarimenti

  1. comosome ha detto:

    da http://www.nonviolenti.org

    Abbiamo l’impressione che il movimento pacifista sia piu’ vicino alla Torre
    di Babele che al dibattito politico.
    C’e’ persino chi pensa di esprimere solidarieta’ ai senatori dissidenti, e
    addirittura chi vuole organizzare manifestazioni di sostegno al governo.
    Tempo ed energie sprecate a correre dietro a cio’ che compete ad altri,
    mentre ci si dimentica di fare anche quel minimo indispensabile per se
    stessi.
    Detto e ridetto che un governo di centrosinistra oggi e’ meglio di un
    governo di centrodestra, e dopo aver fornito i nostri voti, e aver loro
    presentato un documento programmatico (del tutto disatteso) su cio’ che a
    noi pareva indispensabile fare, e aver persino offerto persone di qualita’
    come candidati al parlamento (offerta nemmeno presa in considerazione), che
    altro dovremmo fare, oltre che sperare in cuor nostro che si faccia il
    possibile per scongiurare il ritorno dei barbari al governo? Sapendo,
    beninteso, che ne’ questo ne’ quello sono il nostro governo…
    Il nostro dovere e’ di offrire al paese un movimento per la pace serio,
    maturo e consapevole. Obiettivo evidentemente ancora lontano dall’essere
    raggiunto. Per parte nostra, come amici della nonviolenza, dobbiamo dedicare
    tutto il nostro tempo e tutte le nostre energie a rafforzare l’opzione
    nonviolenta, e questo e’ l’unico vero contributo che possiamo dare alla
    politica, e quindi al governo, e quindi al paese.
    In questo senso pensiamo che la presenza attiva degli amici della
    nonviolenza nei comitati “No Tav” e “No Dal Molin”, sia oggi ancor piu’
    importante di ieri, dopo i “dodici punti programmatici” del governo, ben
    sapendo che e’ meglio avere come interlocutore e avversario un governo di
    centrosinistra piuttosto che un governo di centrodestra. Quindi si da’ il
    voto e il sostegno al governo Prodi e ci si oppone con nettezza e forza alle
    scelte scellerate che questo stesso governo compie in Val di Susa e a
    Vicenza. Non e’ schizofrenia, e’ semplicemente agire politico consapevole.
    Ci sarebbe poi molto da dire sui partiti e sui comportamenti delle forze che
    compongono la maggioranza (come viene scelto il personale politico, come
    vengono gestite le classi dirigenti, come vengono utilizzate le risorse
    pubbliche, ecc.), ma questo e’ un discorso che ci porterebbe lontano, e che
    oggi non e’ fra le nostre priorita’.
    Ultima annotazione. Se oggi avessimo la possibilita’ di parlare con Prodi
    gli consiglieremmo di abbonarsi e leggere i numeri di “Azione nonviolenta”
    dedicati al tema “nonviolenza e politica”. Scoprirebbe che su tutto si puo’
    mediare, ma non sulla guerra (e la sua preparazione) alla quale si deve dire
    no ed essere duri come pietre. Eviterebbe cosi’ di compiere errori futuri
    che sarebbero fatali, e ne trarrebbe un grande giovamento.

  2. alfa49 ha detto:

    mala tempora currunt

  3. comosome ha detto:

    Ringrazio Alfa49 per il commento…a mio vedere un po’ troppo sintetico e stringato per capire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: