Tornado e silenzi

Apprendo da un amico questa notizia, quà sotto…la incollo.

Ci metto anche un piccolo pensiero sotto.

Precipita un Tornado a Ferrara; era partito da Ghedi. Si rischia la strage.
Nessun’organo di informazione ne parla, ma gli abitanti della zona hanno
grandi sospetti…



Alla cortese attenzione del Presidente del Consiglio

Nei giorni scorsi in comune di Migliarino, Ferrara, si è schiantato al
suolo, a pochi metri dai capannoni di un’industria e dalla superstrada
Ferrara-Mare, è precipitato un aereo Tornado, decollato dalla base di Ghedi.
La stampa locale e le persone del posto hanno testimoniato di un clima da
tregenda, di un’ampia area recintata, di nuclei familiari subito allontanati
e di arrivo di squadre dotate di sofisticate apparecchiature.
Di fronte al fatto che a Ghedi, stando alla documentazione che negli Stati
Uniti è accessibile (diversamente dall’Italia) , abbiamo oltre 40 bombe
atomiche (altre 50 nella vicina base di Aviano) parte delle quali è
stabilmente montata sui Tornado,

il sottoscritto
INTERROGA
il Presidente ed il Ministro della Difesa per sapere se non ritengano che la
presenza di tali armamenti atomici sul nostro territorio non sia in
violazione degli accordi internazionali che vietano l’utilizzo della
minaccia atomica e se il Governo sia in grado di escludere l’ipotesi, per
nulla fantasiosa, che aerei Tornado in partenza da Ghedi non abbiano mai
trasportato armi atomiche; ugualmente preoccupante sarebbe se rispondesse al
vero che nel normale armamento dei Tornado fossero presenti forti quantità
di uranio impoverito;

il sottoscritto
INTERROGA INOLTRE
per sapere se le misure messe in atto dall’Esercito e dalle forze
dell’ordine, che hanno isolato una ampia zona attorno al luogo in cui è
precipitato l’aereo, siano state sufficienti a salvaguardare ora ed in
futuro la salute dei cittadini che entrino in contatto con quel terreno, con
le risorse idriche interessate o che si cibassero di produzioni agricole
provenienti da quel luogo.

Roma, 19/06/2007
Sen. Fernando Rossi
Gruppo Misto – Consumatori

Credo che nessun telegiornale abbia parlato di questo avvenimento; rimane sempre tabù sapere cosa succede nelle mille basi militari sparse per l’italia dove non sappiamo mai bene cosa c’è dentro (parlo per le armi atomiche) e soprattutto quanto costano al contribuente italiano…

Ma guai a parlare male dell’esercito, delle enormi spese dello Stato italiano per il mantenimento di questa struttura, guai a criticare il Governo e il Ministero per l’acquisto degli EUROFIGHTERS, guai a giudicare male e fare battute sulle parate militari e sull’esaltazione del superuomo soldatoeroe…potreste essere additati di essere antitaliani…e alla peggio dei terroristi.
Provare per credere…e poi vai a spiegare alla gente che non sei un anarchico ma che credi semplicemente che una mentalità, che vede al centro la guerra con tutto ciò che le sta intorno e la giustifica, è una mentalità di morte.

Non piace sentir dire e ancor più vedere che molte delle cose che può fare l’esercito come: interventi di emergenza, protezione civile, sanità e perchè no interposizione in zone di conflitto siano possibili lasciando a casa le armi.

La strada è lunga.

Annunci

5 Responses to Tornado e silenzi

  1. lapo ha detto:

    la strada non c’è.

  2. comosome ha detto:

    Già… dimenticavo la Lapo e la sua teoria del Grande Botto…

  3. Cisco ha detto:

    Ma voi cosa volete uno stato senza esercito, vulnerabile ed indifeso.
    L’esercito serve a calmare i tafferugli che fate voi comunisti (che tra l’altro nemmeno cpnoscete il significato sociale della parola), per non dire pacifisti.
    Qualcuno molto più saggio di voi poveri ignoranti disse: “Si vispacem para bellum”; che non tarduco, poichè ritengo opportuno che vi documentiate voi sul significato di questa frase.
    Mi pare ovvio che come la maggior parte degli italiani, siete molto bravi con le parole ma con i fatti siete poco addomesticati. Ovvero non credo che combinerete mai qualcosa di davvero importante per la nostra società ne tantomeno per la nostra patria.
    Ah dimenticavo, se qualcuno vi fà del male cosa fate? Risolvete la faccenda da soli o chiamate qualcuno che vi aiuti e magari vi difenda se vedete che la situazione è più grossa di voi?
    Pensate, pensate, pensate, pensate e poi pensate; ma fatemi il piacere non scrivete e non parlate.

  4. daniele buzzoni ha detto:

    ok…vivo a ostellato in prov. di ferrara e il 6 giugno ero a poche centinaia di mt. dal punto dello schianto del tornado. Ora..non è che si pretenda uno stato senza esercito(anche se la sua utilità è quanto meno discutibile visto i problemi che ci ha creato nel secolo scorso e continua tutt’ora ma,lasciamo perdere) ma per lo meno che se ne parli,che ne parli la stampa e che ci venga detta la verità,dal momento che questi aggeggi volanti,una volta in avaria,non sono minimamente controllabili,vedi casalecchio e vedi pure il caso del 6 giugno scorso che solo per puro caso non ha fatto vittime dal momento che lo schianto è avvenuto a 100 mt da una fabbrica(240 operai)e a 20/30 mt dalla superstrada FE-MARE.Basta coprire l’A.M. ha già fatto troppi danni….USTICA……..

  5. comosome ha detto:

    Caro Cisco grazie del tuo intervento, mi spiace molto che l’unico argomento del tuo post sia stata la nostra ignoranza e lo scadere in banali etichette.
    Per la precisione a me le etichette non mi piacciono proprio, prima vengono le persone.

    Mi farebbe sapere cosa ne pensi realmente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: