Egregi

settembre 17, 2008

In questi giorni di delirio scolastico…una lettera al Presidente della Provincia Renzi scritta da una carissima amica. (vedi sotto)

Nel frattempo la notiziona della settimana oltre al Papa che rimprovera i vescovi perchè si ostinano a non dire la messa in latino (queste si che sono priorità), il signor Fini ha detto che la destra si deve riconoscere nei valori antifascisti…peccato che i suoi giovani germogli/scagnozzi…si son risentiti e hanno subito precisato che loro non saranno mai antifascisti, mai…non si uniscono a quella banda di bischeri (pericolosi) che sono Forza Nuova, ecc…però non gli dite che non sono antifascisti…

Per stare vicini al potere si fa di tutto…chiederei ai signorini in croce celtica e colletto alzato di abbozzalla di smerdare i muri di Firenze con le loro frasi ad effetto…se uno deve scrivere proprio sul muro e non ce la fa a contenessi…scriva frasi belline e divertenti…

Grazie

A Milano non ho ancora ben capito se si muore di razzismo, non credo il problema stia tanto nell’etichettare l’accaduto quanto razzista o meno, il problema è riuscire a leggere insieme quelle che sono le realtà sociali nascoste delle nostre città. Speriamo che a Firenze i nuovi candidati “sindaci” buttino un occhio attento su quei mondi di degrado e marginalità.

Speriamo ne prendano coscienza per una rivalutazione della città come luogo fatto prima di persone, e poi si soldi, vetrine, musei, ecc…

Egregio presidente,
da un po’ di tempo ricevo e leggo con interesse le sue e-news, quindi ho
deciso di rispondere al suo invito sull’argomento scuola-riforme ecc… Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Si, pronto…ho visto uno…

settembre 1, 2008

Ciao a tutti, ricomincia tutto…

RIcomincia anche il delirio che sta attraversando questo paese, o meglio, le vacanze forse avevano sopito i nostri pensieri!

Copio ed incollo pari pari dal Blog di Gigi, e invito tutti voi lettori a mandare la lettera in fondo al post alla sindaca di Cantù.

Non ho parole.

Razzismo anonimo


L’Emergenza Nazionale non accenna a rallentare. Anzi, stiamo per raggiungere il vertice. Via Piovono Rane, scopro che il comune di Cantù (Como) mette a disposizione dei cittadini un ufficio e un numero verde per denunciare i clandestini, anche in forma anonima. E’ l’ultimo geniale provvedimento voluto dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco della Lega Nord Tiziana Sala (nella foto), approvato in una delibera dalla giunta pochi giorni fa. Apparentemente il lavoro di verifica delle soffiate anti-negri puzzolenti, che si aspettano in forma rigorosamente anonima, sarà coordinato da “agenti speciali” che saranno scelti tra i vigili comunali in servizio. Probabilmente con licenza di uccidere. La giunta leghista di Cantù dice di non temere false denunce e “confida nella piena collaborazione dei suoi concittadini per l’attuazione del progetto per trovare i clandestini presenti sul territorio comunale“. Il numero verde non esiste ancora per motivi tecnici, ma e’ gia‘ possibile segnalare eventuali negri irregolari nascosti allo 031717411, il centralino dei vigili. Alessandro Giglioli ha provato a fare una falsa segnalazione da numero anonimo, senza dire chi fosse, in una via a caso presa su Google Maps. E’ tutto vero, nemmeno chiedono chi stia chiamando. Mancano solo le stelle sul braccio e i forni. I campi li abbiamo gia.
Cosi’ il sindaco Tiziana Sala: “Vogliamo essere d’aiuto alle forze dell’ordine. Definisco il progetto un tentativo di partecipazione, perchè sul nostro territorio sono presenti troppi immobili affittati a clandestini. Questo è un reato da perseguitare“. “Perseguitare”, nemmeno “perseguire”, un lapsus significativo. Non so nemmeno come commentare tutto questo. Non sono in grado di capire ne’ il sindaco e la giunta che immaginano una mostruosita‘ come le delazione per smascherare disperati, ne’ quelli che chiamano per segnalare il vicino di casa, colpevole probabilmente solo di mandare odori speziati quando cucina. Vergogna.
Ho inviato al sindaco Tiziana Sala (sindaco@comune.cantu.co.it) e alla segreteria della giunta (segreteria@comune.cantu.co.it) la seguente lettera. Invito tutti a fare lo stesso (e chi e’ in Italia anche a tempestare il centralino di segnalazioni false). Perche‘ se il limite era gia‘ stato passato, stiamo raggiungendo vette che sinceramente pensavo irraggiungibili. In attesa di avere almeno un numero verde anti-razzisimo.

Gentile Tiziana Sala, Sindaco di Cantù,

leggo con stupore e sconcerto su Repubblica dell’iniziativa della giunta del suo comune di mettere a disposizione dei cittadini un ufficio e un numero verde per denunciare eventuali stranieri senza regolare permesso di soggiorno, anche in forma anonima. Ritengo l’iniziativa indegna di un paese civile, e pericolosissima non solo per l’evidente intento razzista e discriminatorio, ma anche per il mantenimento di quella stessa legalità, pace civile e armonia che il suo partito, e sono certo anche lei e la sua giunta, dite di voler riportare in Italia e a Cantù. La delazione anonima rappresenta infatti una degenerazione e una pessima interpretazione del senso civico: e’ pericolosa perché mira a dividere, a minare la fiducia reciproca, quando invece l’unione e la solidarietà tra i cittadini e’ la base del vivere civile. Mira a scaricare la responsabilità e le conseguenze delle proprie azioni nascondendosi dietro l’anonimato, quando invece l’assunzione di responsabilità personali e’ il primo passo verso un progresso vero e duraturo della comunità. Come potrebbe poi sapere un normale cittadino se i vicini stranieri, il passante di colore, la persona dai tratti asiatici che siede accanto a lui ogni domenica sul banco della Chiesa vive in Italia senza permesso di soggiorno? Per quale motivo dovrebbe e potrebbe sostituirsi alle giuste autorità‘ incaricate di questi compiti? Scatenare un’inutile caccia all’uomo, spesso colpevole solo di essere fuggito dalla sua casa e dai suoi affetti alla ricerca di un futuro migliore in un paese che non lo vuole, e farlo utilizzando strumenti tanto inefficaci quanto dannosi e’ tutto il contrario di quel “tentativo di partecipazione” con cui ha definito il progetto nella sua intervista a la Repubblica. Si tratta solo dell’ennesimo tentativo di definire un capro espiatorio, un diverso su cui scaricare le ansie e le paure, possibilmente in forma anonima, per distrarre l’attenzione dai problemi più seri che la politica non sa o non vuole affrontare. Perché se la sicurezza non e’ ne’ di destra ne’ di sinistra, i diritti umani di tutti, e il rispetto per il diverso, la solidarietà e la compassione per i più deboli, quelle devono essere la nostra cultura e il nostro valore. Due infatti sono gli obiettivi culturali principali che una società democratica dovrebbe avere come riferimento: educare alla dimensione della solidarietà e alla responsabilità individuale e collettiva. Entrambi gli obiettivi cozzano quanto mai con l’iniziativa da lei promossa. Spero quindi sinceramente che il provvedimento sia al più presto ritirato, attendendo con curiosità di conoscere il suo punto di vista.

Distinti saluti,

Giovanni Cresci

Cosimo Magnelli

Fate girare, scrivete a Cantu’, aderite nei commenti e mettete sul vostro blog il bannerino dell’Emergenza Nazionale.


Rom e Pera

maggio 18, 2008

Più Rum Meno Rom…non m ricordo il muro dove l’ho visto scritto o se è una citazione rubata da qualcuno.

Non riesco, spesso, a trasformare i miei pensieri, emozioni, passioni in parole che abbiano un senso compiuto e lineare. Per questo a volte meglio incollare in un post le parole di qualcun’altro, che le emozioni te le smuove…

Quello che è successo a Ponticelli è la sempre tragica guerra dei poveri contro i poveri.

Il nuovo governo di destra è la valvola di sfogo per ogni razzista frustrato?

Io vi chiedo scusa

Una lettera di Don Luigi Ciotti ai Rom di Ponticelli
16 maggio 2008 – Don Luigi Ciotti (presidente del Gruppo Abele e di “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”)
Fonte: L’Unità

Cara signora,
ho visto questa mattina, sulle prime pagine di molti quotidiani, una foto che La ritrae. Accovacciata su un furgoncino aperto, scassato, uno scialle attorno alla testa. Dietro di Lei si intravedono due bambine, una più grande, con gli occhi sbarrati, spaventati, e l’altra, piccola, che ha invece gli occhi chiusi: immagino le sue due figlie. Accanto a Lei la figura di un uomo, di spalle: suo marito, presumo. Nel suo volto, signora, si legge un’espressione di imbarazzo misto a rassegnazione. Vi stanno portando via da Ponticelli, zona orientale di Napoli, dove il campo in cui abitavate è stato incendiato. Sul retro di quel furgoncino male in arnese ? reti da materasso a fare da sponda ? una scritta: “ferrovecchi”.

Le scrivo, cara signora, per chiederLe scusa. Conosco il suo popolo, le sue storie. Proprio di recente, nei dintorni di Torino, ho incontrato una vostra comunità: quanta sofferenza, ma anche quanta umanità e dignità in quei volti.

Nel nostro paese si parla tanto, da anni ormai, di sicurezza. E’ un’esigenza sacrosanta, la sicurezza. Il bisogno di sicurezza ce lo abbiamo tutti, è trasversale, appartiene a ogni essere umano, a ogni comunità, a ogni popolo. E’ il bisogno di sentirci rispettati, protetti, amati. Il bisogno di vivere in pace, di incontrare disponibilità e collaborazione nel nostro prossimo. Per tutelare questo bisogno ogni comunità, anche la vostra, ha deciso di dotarsi di una serie di regole. Ha stabilito dei patti di convivenza, deciso quello che era lecito fare e quello che non era lecito, perché danneggiava questo bene comune nel quale ognuno poteva riconoscersi. Chi trasgrediva la regola veniva punito, a volte con la perdita della libertà. Ma anche quella punizione, la peggiore per un uomo ? essendo la libertà il bene più prezioso, e voi da popolo nomade lo sapete bene ? doveva servire per reintegrare nella comunità, per riaccogliere. Il segno della civiltà è anche quello di una giustizia che punisce il trasgressore non per vendicarsi ma per accompagnarlo, attraverso la pena, a un cambiamento, a una crescita, a una presa di coscienza.

Da molto tempo questa concezione della sicurezza sta franando. Sta franando di fronte alle paure della gente. Paure provocate dall’insicurezza economica ? che riguarda un numero sempre maggiore di persone ? e dalla presenza nelle nostre città di volti e storie che l’insicurezza economica la vivono già tragicamente come povertà e sradicamento, e che hanno dovuto lasciare i loro paesi proprio nella speranza di una vita migliore.

Cercherò, cara signora, di spiegarmi con un’immagine. E’ come se ci sentissimo tutti su una nave in balia delle onde, e sapendo che il numero delle scialuppe è limitato, il rischio di affondare ci fa percepire il nostro prossimo come un concorrente, uno che potrebbe salvarsi al nostro posto. La reazione è allora di scacciare dalla nave quelli considerati “di troppo”, e pazienza se sono quasi sempre i più vulnerabili. La logica del capro espiatorio ? alimentata anche da un uso irresponsabile di parole e immagini, da un’informazione a volte pronta a fomentare odi e paure ? funziona così. Ci si accanisce su chi sta sotto di noi, su chi è più indifeso, senza capire che questa è una logica suicida che potrebbe trasformare noi stessi un giorno in vittime.

Vivo con grande preoccupazione questo stato di cose. La storia ci ha insegnato che dalla legittima persecuzione del reato si può facilmente passare, se viene meno la giustizia e la razionalità, alla criminalizzazione del popolo, della condizione esistenziale, dell’idea: ebrei, omosessuali, nomadi, dissidenti politici l’hanno provato sulla loro pelle.

Lo ripeto, non si tratta di “giustificare” il crimine, ma di avere il coraggio di riconoscere che chi vive ai margini, senza opportunità, è più incline a commettere reati rispetto a chi invece è integrato. E di non dimenticare quelle forme molto diffuse d’illegalità che non suscitano uguale allarme sociale perché “depenalizzate” nelle coscienze di chi le pratica, frutto di un individualismo insofferente ormai a regole e limiti di sorta. Infine di fare attenzione a tutti gli interessi in gioco: la lotta al crimine, quando scivola nella demagogia e nella semplificazione, in certi territori può trovare sostenitori perfino in esponenti della criminalità organizzata, che distolgono così l’attenzione delle forze dell’ordine e continuano più indisturbati nei loro affari.

Vorrei però anche darLe un segno di speranza. Mi creda, sono tante le persone che ogni giorno, nel “sociale”, nella politica, nella amministrazione delle città, si sporcano le mani. Tanti i gruppi e le associazioni che con fatica e determinazione cercano di dimostrare che un’altra sicurezza è possibile. Che dove si costruisce accoglienza, dove le persone si sentono riconosciute, per ciò stesso vogliono assumersi doveri e responsabilità, vogliono partecipare da cittadini alla vita comune.

La legalità, che è necessaria, deve fondarsi sulla prossimità e sulla giustizia sociale. Chiedere agli altri di rispettare una legge senza averli messi prima in condizione di diventare cittadini, è prendere in giro gli altri e noi stessi. E il ventilato proposito di istituire un “reato d’immigrazione clandestina” nasce proprio da questo mix di cinismo e ipocrisia: invece di limitare la clandestinità la aumenterà, aumentando di conseguenza sofferenza, tendenza a delinquere, paure.

Un’ultima cosa vorrei dirLe, cara signora. Mi auguro che questa foto che La ritrae insieme ai Suoi cari possa scuotere almeno un po’ le nostre coscienze. Servire a guardarci dentro e chiederci se davvero questa è la direzione in cui vogliamo andare. Stimolare quei sentimenti di attenzione, sollecitudine, immedesimazione, che molti italiani, mi creda ? anche per essere stati figli e nipoti di migranti ? continuano a nutrire.

La abbraccio, dovunque Lei sia in questo momento, con Suo marito e le Sue bambine. E mi permetto di dirLe che lo faccio anche a nome dei tanti che credono e s’impegnano per un mondo più giusto e più umano.